Sabato è la Festa del papà

Una ricorrenza diffusa in alcune aree del mondo, il 19 marzo è celebrato in onore della figura del padre, della paternità e dell’influenza sociale dei padri.

La festa del papà è una festa che ha unito molte generazioni. In Italia si celebra il 19 Marzo, il giorno in cui festeggiamo anche San Giuseppe, padre putativo di Gesù, protettore dei padri di famiglia e patrono della Chiesa universale.

Il papà, insieme con la mamma, è protagonista nella vita dei propri figli. Le bambine spesso vedono nella figura paterna la protezione, si sentono al sicuro quando sono al suo fianco. Per i maschi ricopre l’esempio di quello che deve essere un uomo da grande. Per questo la sua figura diventa essenziale nella costruzione futura della personalità di un bambino.

I momenti trascorsi insieme si legano a un profumo, al suo vestito preferito, a quello che indossava per andare al lavoro. Più solitamente sono gli oggetti come l’orologio, dei gemelli per la camicia a essere tramandato di padre in figlio. Non invecchiano come il legame che continuano passando di mano in mano, dal passato al futuro come un filo invisibile.

Ma anche gli indumenti sono protagonisti di molti ricordi insieme. Chissà quante volte hai provato i suoi vestiti, oppure in un momento difficile hai indossato una sua giacca per sentirlo vicino o magari custodisci un suo abito per ricordarlo e sentirlo ancora vicino a te adesso che non c’è più. Ti ha insegnato a fare il nodo alla cravatta o al papillon, ti ha accompagnato a comprarti il tuo primo completo.


Il 19 Marzo ci permette di festeggiare il papà, ricordando i momenti di vita trascorsi insieme e ringraziarlo.


19 marzo No33 Napoli Abbigliamento Elegante Uomo Vestiti Pantaloni

Magari per senso di pudore diventa difficile dire “grazie”, ma questo giorno ci dà l’opportunità di farlo con la scusante di “dover festeggiare” una ricorrenza “obbligata”.

Il ventunesimo secolo vede un papà più maturo nell’età, ma più presente. Nel passato era normale che per lavoro il papà potesse assentarsi per mesi o lo si vedesse solo alla mattina, perchè alla sera al suo rientro eravamo già addormentati. Lo si godeva nei weekend, momenti brevi e intensi, molte volte attesi. Soprattutto le vacanze estive per viverlo quotidianamente.

Oggi i papà sono molto presenti. Lavori più flessibili gli permettono di avere un ruolo paritario con la moglie nella gestione del quotidiano. La sua presenza costante ha dato maggiore spessore alla sua figura all’interno della famiglia e più sicurezza ai propri figli.

Cosa potergli regalare in questa giornata? Nel passato spesso la scelta riguardava gli oggetti di inizio giornata come rasoi, cravatte e profumi, diventando un classico annunciato. I nuovi “padri” vivono una vita complessa e caotica, ma che offre, allo stesso tempo, infiniti interessi, sport, passioni e hobby, per cui, oggi sono in attesa di ricevere doni molto più variegati e personalizzati.

Missione dei figli è di intercettare quell’interesse, saperlo riconoscere e poter festeggiare il proprio papà con un regalo che lo faccia felice o magari lo emozioni. In un mondo che va sempre di fretta e manca di tempo per dirsi un “Ti voglio bene”, “Grazie di quello hai fatto per me”, “Sei il padre migliore che potessi avere” o anche un “Mi manchi”; il 19 marzo fermati e diglielo. Perchè magari i papà sanno già quello che proviamo perchè ci conoscono, ma sentirlo dire è una conferma, ed è importante.