No33.eu

Lo zaino, compagno di vita

Lo zaino, un accessorio fino a poco tempo fa prettamente femminile, negli ultimi anni è diventato un must anche per l’uomo

Non più utilizzato esclusivamente nei viaggi o nelle escursioni, ma anche in maniera “urbana” per la sua praticità, soprattutto per chi utilizza la moto o lo scooter, lo zaino è diventato caposaldo dello stile urbano contemporaneo.

Oggi NO33 vuole farvi conoscere degli zaini UNICI realizzati da un marchio MADE IN ITALY di eccellenza: Campomaggi.

Creati per i viaggi o per la quotidianità, gli zaini Campomaggi sono UNICI, per tanti motivi.

Raccontano la precisione, la cura del dettaglio e la dedizione dell’artigianalità MADE IN ITALY

La sapienza e la passione della lavorazione del cuoio dalle abili mani degli artigiani che concretizzano un’idea, uno schizzo, in un prodotto vero, reale.

Unico è il loro design, inconfondibile.

Sono zaini fatti per essere vissuti, per attraversare la vita di chi li indossa e segnare sulla propria pelle ogni esperienza come un diario, acquistando con l’uso ancora maggiore bellezza.

Sono unici come lo sono le persone, come chi li sceglierà fra tanti.

Negli ultimi articoli vi abbiamo fatto conoscere non solo i marchi e le loro proposte, ma anche le persone che hanno creato quel determinato marchio e che ne sono l’anima. Lo riteniamo importante, perché nella loro visione, dedizione e passione capiamo da dove ha origine la bellezza delle loro creazioni. E non solo, pensiamo che nessuno meglio di loro ve le possa “raccontare”.

“Io non voglio nascondere i difetti delle mie borse. Voglio che siano scelte perché sono così: imperfette. Voglio che piacciano così, che le persone ci trovino qualcosa di non convenzionale che le colpisca. Desidero che comprino qualcosa di autentico, di vero.

Le mie borse sono uniche  e credo che attraversare il tempo sia un loro diritto.

Non voglio più consumatori, voglio clienti che apprezzino la bellezza di ciò che comprano al punto da volerla conservare, riparare, lasciare in eredità a figli e nipoti.”

Marco Campomaggi
Exit mobile version